jump to navigation

Ei fu (dicono) uno statista domenica 17 gennaio 2010

Posted by triskeles in Uncategorized.
trackback

craxi berlusconi

Pare che dieci anni fa, nella poco distante Hammamet, moriva Bettino Craxi. Dopo anni di scontri ideologici, che hanno appassionato gli italiani e il mondo, è stato decretato che fu un grande statista. L’editoriale di Minzolini, qualche giorno fa, lo ha elevato all’onore degli altari. Prima di lui, in altre sedi e ad opera di altrettanto autorevoli figuri, la stessa sorte era toccata a Vittorio Mangano (lo stalliere mafioso di Silvio divenuto poi martire ed eroe perchè fece dell’omertà il suo stile di vita).

L’Italia è ormai il paese senza memoria. Un surrogato dell’Oceania pensata da Orwell, dominata dall’unica verità possibile che, guardacaso, esce dalle mura del MINIVER (Ministero della verità).

Perchè tutto ciò accade? Perchè la cultura pop del berlusconismo, per radicarsi necessita di un proprio Pantheon. Un luogo abitato da personalità del passato che, in un modo o nell’altro, hanno tracciato un cammino, indicato una strada. Per questo motivo, Mangano fu un eroe e martire e Craxi uno statista. A celebrare queste persone sono i nuovi sacerdoti di questa religione che si riconosce nel corpo mistico del Signore assoluto. Una religione che non ha un Vangelo ma si diffonde in modo ancor più virale attraverso gli altoparlanti delle tv. Ha un suo codice di comportamento e un corpus iuris ad personam (la prima di queste leggi fu un dono dell’amico Bettino).

Possiamo concordare con quanti dicono che l’esperienza politica di Craxi non può riassumersi nelle vicende giudiziarie che ne segnarono la fine politica. Allo stesso tempo, mi pare eccessivo definire “statista” una persona che morì in Tunisia da latitante, dimostrando così un evidente disprezzo per le istituzioni e la giustizia italiane. Sicuramente non perverremo mai a una oggettiva e definitiva valutazione della persona e queste iperboli santificatrici creano dei sospetti più che giustificati. Ma è la nuova religione a imporle! Una fede al servizio esclusivo dell’Impunito (e Impunibile). Craxi fu un impunito ma gli va dato atto del fatto che non violentò la Carta costituzionale con il tentativo di divenire impunibile. Tuttavia queste, sono magre consolazioni!

Annunci

Commenti»

No comments yet — be the first.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: