jump to navigation

Il patto che ci lega* lunedì 14 dicembre 2009

Posted by triskeles in Uncategorized.
trackback

costituzione patto

“La Costituzione è il fondamento della Repubblica. Se cade dal cuore del popolo, se non è rispettata dalle autorità politiche, se non è difesa dal governo e dal Parlamento, se è manomessa dai partiti verrà a mancare il terreno sodo sul quale sono fabbricate le nostre istituzioni e ancorate le nostre libertà.” (Luigi Sturzo, in un discorso al Senato della Repubblica, 27 giugno 1957)

Già questa mattina, mi sono cimentato in una condanna della violenza come prassi politica e metodo di attuazione di una Resistenza che non deve, tuttavia, uscire dall’alveo di un confronto civile. Ma dov’è questo confronto civile? Partendo proprio da questo interrogativo, ho trovato la conferma di quelle parole pronunciate più di cinquant’anni fa, da don Luigi Sturzo. Il clima che si respira, in Italia, in questi ultimi giorni, non è affatto civile. In molti devono fare un esame di coscienza e ammettere i propri errori. I richiami recenti del presidente Napolitano, vanno in questa direzione. Attenuare i toni del confronto politico e attuare riforme condivise, nello spirito originale della Costituzione.

Proprio questa è il centro della riflessione. La Costituzione della Repubblica italiana, nacque dalle ceneri del secondo conflitto mondiale e dalle paludi della dittatura nazifascista. Nacque dal rinvenimento di un nuovo sentimento italiano e di libertà che erano state sottratte subdolamente. I padri costituenti, riuscirono a comporre diversi interessi e diverse ideologie; fisarono i principî fondamentali della nostra nazione; idearono un’architettura istituzionale esemplare, che, a più di sessant’anni di vita, dimostrano la loro vitalità, sopravvivendo alla caduta delle ideologie e all’apertura verso le istituzioni europee. Quel che non si è riusciti a fare, durante i suoi sessant’anni di vita, è stata la sua trasformazione in una forza culturale unificatrice che ricomponesse le divisioni dalle quali nacque. Non si è riusciti a trasferirla “dall’area della decisione politica che divide, crea inimicizie e conflitti a quella consensuale della cultura politica diffusa” (G. Zagrebelsky).

La Costituzione è la legge suprema dell’Italia ma rimane, sempre e comunque, oggetto di diverse critiche che, soprattutto nel corso degli ultimi anni, si sono esacerbate. La critica mossa all’impianto istituzionale, ai suoi massimi organi di garanzia, tradiscono il patto da cui essa è nata. “Un patto di unita’ nazionale nella liberta’ e nella democrazia” (G. Napolitano). Nel momento in cui si tradisce il patto, e se ne mettono in discussione i pilastri portanti, viene meno la coesione sociale, si spiana la strada a squilibrati che possono compiere gesti inconsulti come quello cui abbiamo assistito ieri. In questi giorni è accaduto proprio questo. Il premier ha sproloquiato a Bonn e, da li, si rivolgeva a noi italiani; serrava le file dei suoi, criticava Napolitano, giudici e Corte Costituzionale. Si è manifestato per quel che è, il vulnus della nostra democrazia.

A ragione, è stato fatto osservare che la spirale d’odio non si apre con verità giornalistiche e/o giudiziarie. Non è una sentenza nè, tantomeno, un giornale a poter aprire una falla nella Costituzione. Non è un’opposizione viola, che chiede le dimissioni del premier più chiacchierato degli ultimi 150 anni, a tradire il patto di coesione. Non è neppure internet, il nuovo demonio, in fondo, il 28 giugno 1914, il web non esisteva ancora ma Gavrilo Princip uccise Francesco Ferdinando, scatenando la Grande guerra. Fortunatamente, le conseguenze del gesto di ieri, sono ben diverse.

Le critiche suscitate dagli interventi di Di Pietro e della Bindi hanno mostrato la loro strumentalità a una logica vittimistica che sta percorrendo il paese e i media controllati dal potere politico (quindi tutti!). Si sostiene, da più parti, la  necessità di puntare il dito contro i due esponenti politici e contro le loro parole, rei di aver detto che la fonte di questo clima incivile, risiede nel berlusconismo. Proprio per questo motivo ho fatto una piccola ricerca su internet che, adesso, in tanti stanno osteggiando e minacciando di censure (come avviene in Cina, Iran e Birmania). Voglio solo proporre una piccola antologia:

Repubblica — 27 novembre 2009   pagina 1   sezione: PRIMA PAGINA ROMA – Dall’ ufficio di presidenza del Pdl il premier Silvio Berlusconi lancia un nuovo duro attacco alla magistratura: «Si respira un clima da guerra civile, i pm vogliono farmi cadere».
(ANSA) – VARESE, 22 NOV – ‘Sta venendo il federalismo e stavolta ce la faremo a portarlo a casa: senno’ ognuno cominci a oliare il fucile’, dice Bossi.
LA STAMPA – 22-11-2005, pag.4MILANO – Quella che si gioca nei prossimi mesi, da qui alle elezioni di primavera, e’ molto piu’ di una campagna elettorale: e’ un «noi» contro «loro», un Paese diviso tra «buoni» e «cattivi».«La libertà e la democrazia non sono ancora garantite in Italia. Perché noi abbiamo dato più libertà agli italiani, loro, invece, sventolano le bandiere con i simboli del terrorismo e i nomi della tirannia».«Loro – ha spiegato – ci odiano, ci considerano ottusi, volgari profittatori, insomma: il peggio del paese. Se dicessimo le stesse cose della sinistra ci darebbero dei nazisti, […] non abbiamo mai fatto nomine faziose e non abbiamo mai usato la televisione per eliminare l’ avversario. Non li abbiamo mai insultati. Se la sinistra tornerà al potere la libertà degli italiani sarà di nuovo a rischio. Perché la sinistra italiana è per l’ eliminazione dell’ avversario, se non fisica, morale».
*Il titolo del presente post è anche il titolo di una recente pubblicazione de “Il Mulino” che raccoglie i discorsi del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, durante la prima metà del suo mandato al Quirinale.
Annunci

Commenti»

No comments yet — be the first.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: