jump to navigation

Il gatto con gli stivali & Robin Hood lunedì 23 giugno 2008

Posted by triskeles in Bellachioma, Italia.
trackback

Durante la scorsa settimana si è parlato molto del rapporto tra i poteri dello Stato e, in particolare, tra quello giudiziario e quello esecutivo.
Bellachioma ha mostrato il suo vero volto, come il Gatto con gli stivali, tende inganni e tranelli per far abboccare i milioni di italiani che, come lo stupido re, credono a ciò che viene riferito dai mezzi di distrazione di massa
La settimana trascorsa, però, è stata importante anche sotto il punto di vista dell’economia con il ministro proconsole Tremonti che ha annunciato novità interessanti.
Tralasciamo il caso Alitalia che è stato dirottato (è proprio il caso di dirlo!) verso l’inesorabile fallimento ad opera di Berlusconi & Co. e del quale non si parla più!
Primo punto della nuova politica economica del governo è l’introduzione della tessera di agevolazioni per i meno abbienti, misura questa, che ricorda la mai rimpianta tessera di razionamento alimentare tanto di moda in tempi di autarchia, fascismi e guerre. C’è da dire che è un’ottima trovata populista (con i suoi costi). I “meno abbienti” del nostro paese, riceveranno concretamente in mano, questo dono dallo Stato. Che poi si tratti di 400€ annui e che non sia stato specificato chi possa esserne il destinatario, poco importa. Sicuramente sarà uno strumento in grado di attrarre sulla persona di Bellachioma quei cespugli di consensi che ancora il regime delle fiction non ha dirottato.
Altro annuncio populista è l’introduzione della Robin Hood Tax. Una tassa che prenderebbe ai ricchi (petrolieri e banchieri) per dare ai poveri. Adesso, che una tassa del genere provenga dal governo di Silvio IV, che certo povero non è, ha del comico.
C’è da chiedersi quali siano i profitti da tassare. C’è da chiedersi come mai questo carico fiscale non debba esser avvertito dai consumatori diretti, cioè noi. Prendiamo ad esempio i distributori di benzina. La domanda di carburante è poco reattiva a variazioni di prezzo. In altre parole: i petrolieri possono aumentare i prezzi, facendo pagare a noi le loro tasse, e noi continuiamo a consumare benzina e simili perchè non abbiamo altra scelta! Un economista del calibro di Tremonti dovrebbe saperlo. Ma in epoca di dittatura dell’immagine, tutto fa brodo. Annunci mirabolanti, strepitosi giri di parole offerti alla massa distratta dai mezzi di disinformazione con buona pace delle delle scienze umane. Dall’economia al diritto. Tutto arato per dare l’idea di un governo decisionista. Perchè è questo che gli italiani vogliono. Sono lieti di cedere il pensiero e le decisioni a un qualcuno di carismatico, capace di attrarre consensi viziati. Tutto ciò si risolve poi nell’esaltazione del capo, come nello sfondo della sala stampa di Palazzo Chigi dove si celebra la gloria di Sant’Ignazio.

Annunci

Commenti»

1. La leggenda di Robin Hood « Triskeles - martedì 21 ottobre 2008

[…] della Robin Tax, una tassa che, come Robin Hood, rubava ai ricchi (petrolieri) per dare ai poveri. Avevo scritto quali potessero essere le conseguenze e ciò si è […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: